sabato 31 dicembre 2011

Arrivederci!



                                                   E il vecchio albero piegò il capo
                                                     stendendo i suoi rami asciutti
                                                   quasi a toccare i tranquilli flutti
                                      " Son stanco" Pensò. "Ho attraversato i tempi.
                                        Un altro anno se ne va e indietro non si torna"
                                             Mentre tra lo sciabordio dolce delle onde
                                        scendeva la sera a tingere le sue spoglie fronde.
                                                Ricordò allora il vecchio di quando
                                            tenero bambino, giocava sereno, nel sole
                                               a rimpiattino e poi, col fiato sospeso
                                               attendeva che il tramonto arrossasse
                                              ogni angolo di cielo, ecco, era quello
                                            il momento più vero, l'attimo, il sospiro
                                           di un altro giorno andato, del passo in più
                                    verso il domani, mentre lo strillo acuto dei gabbiani
                                          rimandava al pensier di quando inesorabile
                                                    il tempo sarebbe presto giunto
                                                accorciando lesto l'ora del tramonto.
                                                  Arrivederci vecchio, arrivederci
                                                     e grazie dell'ombra al desinar
                                                      della saggezza, dei sussurri
                                                che accompagnavano i nostri giochi
                                                nell'arsura dell'estate, e dell'inverno
                                       le bianche gelate, mentre la laguna in ghiaccio
                                        stringeva il paesaggio intorno in un abbraccio.
                                          Piega ancora il suo stanco capo il vecchio
                                      e s'assopisce ora quieto, poi silenzioso se ne va.

                                                                                                   Marilla Guiotto




                                                
                                                
                                               

2 commenti:

Costantino ha detto...

E'una bellissima poesia!
Auguri,Costantino

dandelion67 ha detto...

Complimenti a Marilla per i bellissimi versi...
Magu, lo scatto è delicato ed emozionale, in colori e soggetto...
sereno divenire..
dandelìon